Diccionario de la Música Caribe

Abozao. Canto tradizionale della costa atlantica Colombiana, creato dai pescatori a proposito della azione di collocare cavi fissi nelle barche per assicurarle alla riva.

Afincar. Termine che viene utilizzato dai direttori dei  conjuntos per dare inizio alla interpretazione di un tema.

Agogó. Campana di carattere liturgico, usata para invocare ai yorubas.Ognuna di esse tiene un agogó differente.

Aguelulo. Ballo giovanile molto popolare nella città di Cali, Colombia, nato alla metà degli anni settanta.

Alborada. Festa campesina (di contadini) patronale a  Portorico che si celebra con la partecipazione di conjuntos tipici provenienti da tutta la regione.

All Star. Tipo di formazione Orchestrale composta da vari musicisti che si  considerano i migliori in ogni strumento. Per linee generali la sua associazione dipende da circostanze speciali o geografiche (Puerto Rico All Stars) o di marketing (Fania All Stars).

Ahi-na-ma. Espressione usata nella maggior parte dei casi dai cantanti cubani per dare enfasi alla prestazione canora o musicale dei componenti del gruppo.

Areito. Manifestazione musicale degli  aborigeni antillani, presentata in gruppi sociali, i quali strumenti musicali furono distrutti per mezzo dei conquistadores Spagnoli a Cuba, anche se in alcune isole del Caribe sono presenti dei resti de Areito.

Asalto. Conjunto musicale di tradizione Portoricana che si caratterizza per la interpretazione di di Aguinaldos durante le feste natalizie. el Asalto è di carattere urbano.

Ataca (Atà). Espressione usata dai musicisti cubani per dare inizio ad una sezione di fiati o al tumbao .

Azúcar. Espressione usata dalla scomparsa e compianta  cantante Celia Cruz per motivare il  pubblico nei suoi concerti.

Bachata. Variante del  Son cubano e del Bolero che, alla luce della musica dominicana , fu creato negli anni Ottanta grazie al cantante Juan Luis Guerra.

Babalao. Nella santeria sono i padri , i sacerdoti

Bambuco. Ballo popolare della costa colombiana atlantica

Banda. Formazione orchestrale più grande di una Orchestra , dove si duplica il numero dei musicisti nella sezione dei fiati.

Barrio. Settore urbano caratterizzato  per un denominatore comune , che può essere o architettonico, topografico o sociale. A New York si denomina  Barrio l'area latina di Harlem, un luogo di concentramento degli immigranti del Portorico.Senza alcun dubbio , è sinonimo anche dei settori Bronx e di  Manhattan . Il suo significato corrisponde all' italiano quartiere.

Batá. Tamburo rituale della religione yoruba con dos "parches" collocati orizzontalmente per essere suonato con entrambe le mani. Di forma cilindrica con  un restringimento ad un terzo circa della sua altezza , sono di tre tipi e ricevono i nomi di Iyá, Itótele e Okónkolo. Al primo  che è il più grande, lo si adorna con cinture, campane e campanelle denominate Chaworó.

Batey. Termine usato nella manifattura della canna da zucchero. Generato durante il periodo delle colonie spagnole , è stato conservato e tramandato per generazioni. Ci sono una serie di canzoni che citano questo termine come«El negrito del Batey» que cantava Alberto Beltrán con la Sonora Matancera e dove dice: "A mi me llaman el negrito del Batey, por que el trabajo para mí es un enemigo. El trabajar yo se lo dejo sólo al buey, porque el trabajo lo hizo Dios como castigo" ..una esortazione all' ozio e a lasciare il lavoro agli animali destinati alla aratura dei campi.

Bemba. Labbra grandi di negro. Celia Cruz ha reso popolare il tema «Bemba Colorá» con la allusione a questa caratteristica fisica e  Cortijo y su Combo hanno immortalato il numero , composto per Bobby  «El Negro Bembón».

Bilongo. Sortilegio operato da un santero e anche il titolo di una celebre canzone cubana

Boogaloo. Uno stile musicale  che è nato nella fine degli anni sessanta , quando il settore della musica salsa era in crisi che può essere defiito come un misto di Blues, Twist e musica latina: Celebre la canzone che lo ha reso famoso"I like it i like that"di Pete Rodriguez

Bomba. Ritmo tipico di Portorico, proveniente dal nome di un tamburo, costruito con pelle di animale.

Bembé. Festa celebrata con tocchi di tambores per dedicarla a los yorubas. queste feste si celebrano con strumenti appositamente costruiti per l'occasione  con tronchi di palma.

Big Band. Formato Orchestrale di grandi proporzioni, caratterizzato da un elevato numero di musicisti nella sezione dei fiati , arrivando anche al numero di 12 nei  sax, le trombe e i tromboni.

Botarse. Termine usato a Cuba per definire l'inizio di un ritmo in uno specifico tema. Si suole dire «ahora si se soltó» quando si finalizza l'introduzione di un son e entra l'orchestra completa.

Botija. conosciuta anche come Múcura, è simile ad un flauto e ha una perforazione sul lato.Fù usata nelle prime orchestre di  son in sostituzione del contrabbasso.

Cabildos. Riunioni che celebravano gli schiavi negri nei giorni di festa per cantare e ballare. Il suo nome prende la origine dalla definizione spagnola di governo municipale.

Caja. Strumento colombiano di percussione di forma cilindrica , foderato da uno dei due lati con pelle messa in tensione. Si costruisce su di un tronco chiamato Vaso. Il suo suono  y .Il suo suono è molto acuto . come quello dei bongos e si utilizza nei differenti ritmi della musica vallenata. Vi sono una serie di "colpi " che si differenziano per la loro intensità:tra i più famosi abbiamo El Golpe Rodao, el Adominicanao e el Tres Golpes.

Camisas. Comparse dei carnavales della costa atlantica colombiana, dal quale mome si derivava il vestiario utilizzato dai bailadores.

Caña de Millo. Strumento colombiano della sezione fiati, chiamato anche flauto di Millo o Pito. La Caña de Millo ha generalmente una larghezza di 33 cmi  y 1.5 cm di diametro.

Cencerro. Strumento di percussione metallica anche chiamato Campana, che si dice sia una imitazione dello strumento cubano chiamato Ekón. Di forma triangolare, il Cencerro viene usato nel son dando tre colpi secchi con un piccolo bastone di legno. Si usa generalmente di una forma indipendente da parte del boncongero o da parte del timbalero.

Cha cha cha. Diffusosi a Cuba alla fine degli anni quaranta come una conseguenza della fusione di ritmi come il danzón e altri ritmi caraibici. Nato nei cabaret della Habana ai tempi della dominazione americana, un insieme di melodie che giocano tra il tempo ed il contrattempo il cha cha cha viene importato in America e diffuso in tutto il mondo

Chambelona. Canto popolare cubano famoso nelle feste popolari degli schiavi africani alla fine del 1800

Changui. Variazione del son nata nell'oriente dell' isola di Cuba, nella zona di Santiago, portata alla celebrità da Elio Revé e poi continuata nella tradizione dalla Orchestra di suo figlio.

Cinquillo. Insieme di note sincopate che formano un ritmo regolare .Questo gruppo di note , quando si alterna con un altro che ha una struttura simile ,  genera la base del son cubano, il quale , in termini strumentali, è  affrontato per la clave.

Clave. Modello ritmico cubano di 2/3 ó 3/2 (quando si tratta di son Montuno) e che sempre alterna una sequenza forte con una debole:questo modello deve essere continuato per l'Orchestra o il conjunto dopo di essere marcato per la clave , o a non essere così si incorre in quella che chiamano" anarchia ritmica" della Clave attraversata. Clave è stata anche una rivista trimestrale di musica prodotta a Cuba da Idalberto Suco durante lgli anni ottanta , ora non più in funzione.

Claves. Pezzi di legno che proporzionano la musica derivata dal Son cubano. Las Claves producono all'urtarsi un sono secco, dovuto alla  cassa di risonanza che si forma disponendo  il palmo della mano che sostiene uno dei due pezzi di legno in genere quello nella mano sinistra,con la punta delle dita. Esiste anche una variante denominata Clave Africana, dove la cassa di risonanza viene incorporata in uno dei due pezzi di legno che e' il più grande. Per interpretarla , suonarla si danno cinque colpi separati in una sequenza tipo  Due colpi  - pausa - Tre colpi.

Cobo. Conchiglia grande che si trova nei mari della costa atlantica colombiana  che viene utilizzata per costruire strumenti a fiato.

Combo. Tipo di gruppo musicale diffusa a  Cuba e PortoRico agli inizi degli anni cinquanta. Generalmente di  otto persone che interpretano: piano, basso, trombe, sax, batterie, percussioni, bongos e voci.

Columbia. Ballo popolare di origine cubana che forma parte della rumba cubana. E' accompagnato solo da pure percussioni e ballato da soli uomini.

Conjunto. Tipo di gruppo che si sviluppò nella metà degli anni quaranta a Cuba  e a Portorico. Il conjunto è arrivato ad essere il punto immediatamente superiore al  septeto de Son cubano, grazie all' incorporamento della batteria. La Salsa è suonata, nella maggior parte da conjuntos.

Contradanza. Ballo nato a Cuba nel secolo XVIII che prende origine dalla contradanse francese introdotta sull isola dai Francesi.Da poi origine al Danzón.

Controversia. Di origine campesina (rurale) cubana e che consiste nella interpretazione di decime da parte di due cantanti, i quali partendo dalla ultima strofa che canta l'altro, chiamata Punto, improvvisano sul tema introdotto.

Corneta China. Strumento della sezione dei fiati di origine orientale portato alla  Habana agli inizi del 1900. Si usò moltissimo nei distinti ritmi del Complejo de la Rumba e emette cinque note di tono acuto.

Coyongo. Danza dei carnavales della costa atlantica colombiana, dove i ballerini imitano il volo dei differenti uccelli che popolano quella regione.

Culo e'puya. Tambor venezuelano di forma cilindrica che si suona con una stecca e la mano e si mette tra le gambe del musicista.. Esistono tre tipi chiamati: Corrío, Cruzao y Pujao.

Cumaco. Tambor di origine venezuelana che si suona colpendolo con le mani dopo averlo collocato sul pale essendosi seduto sopra, in alcune versioni ha anche un diametro di due metri.

Charanga. Tipo di gruppo di origine cubana  chiamato anche Orchestra Típica o Francese. La sua origine si deve alla introduzione di strumenti di origine europea più idonei alla interpretazione del Danzón, come i violini e il flauto. I ritmi derivati dall Danzón, come il Chachachá, sono suonati da  Charangas, anche se questo nome si è reso popolare negli anni sessanta grazie alla controversia che si generò a New York per la sua similitudine nel nome con La Pachanga.

Charrasca. Vedere voce guiro

Chekeré. Guiro o maraca cubana que misura circae  50 cm di diametro e foderato da una rete fatta di frutta secca che danno il ritmo. Il Chekeré si conosce conosce anche come Agué o Aggbé e fa parte della strumentazione rituale dei  yorubas. Si suona scuotendo la rete dopo averla colpita con la base del palmo della mano.

Chupacobres. Vedere voce Papayeras.

Danzon. Genere musicale inventato da Miguel Failde Perez a Cuba nel 1879 sulle orme della contradanse francese. Si balla in coppia in tempi stretti.

Décima. Combinazione metrica formata per dieci versi ottosillabici e generalmente usata nei s ritmi della  Musica Guajira Cubana, che si può cantare nella forma di Tonada individuale o de Controversia tra due o più cantanti. La sua  conformazione è stata utilizzata anche nelle improvvisazioni di coppia nel Joropo in Venezuela,  e con la Trova Antioqueña in Colombia.

Dengue. Ritmo creato in Messico da Dámaso Pérez Prado negli anni settanta che si basa sul suono costante prodotto colpendo ritmicamente uno strumento di metallo con maggiore o minore intensità dando così vita a percussioni tipiche.

Descarga. Sessione musicale fatta per improvvisare e che i Jazzisti chiamano Jam Session. In linea di massima in queste sessioni. si prende una melodia o un montuno come base e poi la si amplia con improvvisazioni consecutive.

Despelote. Termine introdotto a Cuba da Elio Revé per riscaldare il pubblico e far salire l'eccitazione diceva sempre:"¡Tremendo despelote!". Generalmente indica il movimento delle ballerine che muovono il bacino e il ventre alla stessa maniera nella quale si muove una palla( " pelota")

 

Ecuajey. Espressione di animo usata spesso dal cantane Portoricano Ismael Rivera nelle sue canzoni. In Colombia si usa l'espressione simile Guepajey.

Echar un pie. Andare a ballare.

Erikundi. Tipo cubano di maraca foderata in tela . Ad Haití esiste uno strumento simile denominato Chachá.

Flauta de Millo. Vedere Caña de Millo.

Fotuto. Chiamato anche Guamo o Cobo, si tratta di un guscio di conchiglia che diventa uno strumento musicale a Cuba , grazie alle perforazioni che si fanno nella base e nella spirale dove si soffia producendo tre note: do, si y mi bemolle. Una variazione di questo strumento è conosciuta in  Colombia come Guache.

Gaita. Ritmo del Caribe Venezuelano. Ritmo della Costa Atlantica Colombiana. Strumento della sezione fiati in Colombia che ha un suono molto simile al clarinetto.

Garabato. Danza dei carnavales della costa atlantica colombiana, dove si rappresenta un combattimento tra la vita e la morte.

Golpe. Tocco del tamburo che marca l'inizio di un pezzo musicale. Si chiama anche golpe qualsiasi differente suono che possa uscire da uno strumento di percussioni.

Grammy. Premio consegnato annualmente dalla Accademia della Musica Americana ai principali interpreti e compositori moderni, secondo il loro successo commerciale e la loro qualità musicale. Dal 1975 nella a cerimonia dei  Grammys si concedono tre premi speciali per la musica latina: folklorica, romantica e tropicale.

Guacharaca. Strumento colombiano di percussione minore elaborato con la corteccia di una pianta chiamata Uvita de Lata e che è di uso comune nella musica vallenata. La Guacharaca non supera i  40 cm. di larghezza e ha una serie di fessure che si "grattano" con un bastone di legno o di metallo .Essendo di diametro molto fine , la Guacharaca si mantiene aprendo la mano completamente e collocando anulare e mignolo negli estremi di un buco che si trova alla metà dello strumento. Il suo nome proviene da un' uccello chiamato Guacharaca o Pava Silvestre.

Guache. Vedere Fotuto

Guacherna. Tamburo simile al Bombo che si utilizza per la interpretazione della Cumbia nei carnavales della costa atlantica colombiana.

Guajeo. Tocco ripetuto e costante nelle Orchestre e nei Conjuntos di  Salsa che serve da congiunzione tra due sezioni strumentali quando si vogliono fare degli assoli o cambi negli arrangiamenti.Generalmente el Guajeo lo realizzano gli strumenti di fiato.

Guaguanco. Ballo folklorico di origine Afro-Cubana accompagnato solo da percussioni: le tre congas che gli danno il ritmo sono la tumbadora che da il ritmo base ,el segundo che si occupa di dare il contrattempo ,mentre el quinto improvvisa.Si effettua in coppia ed ha un contenuto altamente erotico nel quale l'uomo tenta con movimenti allusivi di "possedere"una donna che gli resiste o si compiace della cosa:tutto ovviamente a ritmo di percussioni

Guajira. Regione colombiana da dove, si  dice, deriva  el Paseo vallenato. Regione campesina cubana y gentilizio della donna nata nelle zone montuose o di campagna della isola. Ritmo cubano che si canta in decime.

Guateque. Chiamato anche Canturia, el Guateque è una riunione di gente o una festa di origine campesina a Cuba.

Guicharo. Vedere Guiro.

Guiro. Chiamato anche Guayo, questo strumento  cubano si costruisce dall'albero della Guira, prendendo un ramo, levigandola e poi facendogli delle fessure orizzontali per poi suonare "grattando" con un piccolo palo di plastica .  Nel  Son si interpreta facendo un percorso completo dal basso verso l'alto  dando dopo due colpi corti. A Portorico, una variante più piccola si  conosce come Guícharo. Nella Repubblica Dominicana, esiste un tipo di guiro metallico usato nell Merengue che si chiama Torpedo o Guira. E in Venezuela infine esiste un guiro metallico chiamato Charrasca. Sono esistiti di granti suonatori di Guiro, fra loro emergono i cubani Gustavo Tamayo, Oswaldo «Chihuahua» Martínez, Francisco Arboláez e Rolando Valdés.

Habanera. Erede della contradanse francese è la prima vera espressione di canto nata a Cuba nel 1842. Adottato in seguito dai cantanti di Trova e dai musicisti di opera classica rappresenta una pietra miliare della musica cubana.

Improvización. Parte del Son dove il cantante realizza versi liberi in quartine.Nel Latin Jazz, come quello di Tito Puente , la improvización la eseguono gli strumenti.

Jíbaro. Stile campesino Portoricano equivalente al Guajiro cubano. In alcune zone questo termine viene usato anche per definire i venditori di  marihuana.

Joeson. Ritmo proveniente dalla fusione del Son cubano e dal Chandé colombiano, creato dal  cantante Joe Arroyo negli inizi degli anni ottanta.

Langosta. Danza dei carnavales della costa atlantica colombiana, nelle quali si imitano i movimenti di questo insetto.

Latin New York. Rivista specializzata in Salsa di grande popolarità nel trascorso degli anni settanta fra la colonia latina radicata a New York diretta da Izzy Sanabria.

Lo Nuestro. Premio della musica latina creato dalla impresa televisiva Univisión e la rivista specializzata Billboard. Si consegnano annualmente questi premi a Miami.

Lumbalú. Canto dei morti a San Basilio de Palenque, costa atlantica colombiana. El Lumbalú è un rito funebre di origine africana, dove si balla e si canta al suono del tambor Yamaro.

Maestranza. Danza della costa atlantica colombiana consistente nella imitazione di diverse azioni della vita quotidiana.

Mambo. Rítmo cubano creato nel 1938 come variante del Danzón la quale struttura definitiva fù sviluppata da Pérez Prado a partire dalla sezione finale del Danzón, che era Montuno sincopato. Base del ritmo creato affinché l'orchestra possa realizzare un tema in tutta la sua estensione. Il Mambo si realizza con la guida marcata della clave e seguita per gli strumenti della percussione. Si conosce anche come Moña o Diablo.

Mani. Questo ballo di origine popolare a Cuba ,si sviluppa nel XIX secolo tra gli schiavi delle piantagioni di canna da zucchero. E' ballato solo da uomini: Il protagonista sceglie un partecipante tra gli altri seduti in circolo e lo"sfida" ad un duello di danza.

Maracas. Coppia di strumenti di percussione fatti di tronco secco o di cuoio teso e cucito. al loro interno hanno dei semi secchi che all' agitarsi producono il  ritmo. Nel Son si interpretano al tempo pero con battute distinte: mentre la maraca sinistra si agita incessantemente nel suonarla, la destra si agita tre volte producendo un suono simile alla parola Cha cha chá.

Marímbula. Cassa di legno con una apertura piccola nel centro. Sopra di questa si collocano n 6 o 7 tasti fatti di acero e realizzati in maniera che le estremità rimangano libere per essere suonate spingendo con le punta delle dita. La Marímbula è  il predecessore del basso.

Merengue. Il ballo folklorico Dominicano per eccellenza che si è diffuso in tutto il mondoNato dopo della famosa battaglia dove trionfarono i Dominicani a Talanquera come un canto criollo di celebrazione..

Montuno. Variante del Son cubano , che ha un ritmo tipo in clave di 3-2. Creazione ritmica  e melodica breve , generalmente suonata dal piano nel mezzo di un pezzo di Salsa. Nel Montuno si alterna un a battuta debole con una forte. En 1938 il bassista  cubano Orestes López incorporò un Montuno sincopato nella sezione final del Danzón, quello che poi prese il nome di Mambo, anche se riceve altre denominazioni come Capetillo e Diablo.

Mulata. Ballo praticato a Cuba agli inizi del 1900.

Orquesta. Formazione strumentale di uso comune nel Caribe e suddiviso in cinque sezioni: la prima di ritmo (congas, timbal e bongos), la seconda di tastiere e corde (piano e basso), la terza de fiati o metales (tromboni, trombe, trombette o sax, anche se si possono trovare, nel caso delle charangas, violini), la quarta di voci (cantanti con maracas, claves o guiro), e la quinta libera (vibráfono, flauto, clarinetto, e le chitarre tipiche come il tres o  il cuatro).

Orisha. Divinità della religione Santeria a Cuba.

Paila Criolla. Strumento di percussione nato a Cuba fatto da una cassa metallica sulla quale si poneva pelle di cuoio tesa e poi si suonava con le mani o con dei rudimentali bastoni nelle feste che gli schiavi organizzavano nelle colonie alla fine del 1800.

Pájaros. Danza dei carnavales della costa atlantica colombiana, nelle quali 15 uomini ballano come se fossero uccelli perseguiti dagli spari di un cacciatore.

Palenque. Luogo dove si concentravano gli schiavi africani quando scappavano dai loro padroni europeo. Nei palenques si sviluppavano e suonavano  molti dei ritmi tradizionali caraibici. Oggi esiste in Colombia una popolazione chiamata San Basilio de Palenque.

Paloteo. Danza della costa atlantica colombiana, dove los bailadores imitano una battaglia con bastoni di legno.

Pandereta. Strumento di  percussione minore usato a PortoRico per suonare la Plena. E' composto de una base sferica di legno foderata per uno dei suoi lati da cuoio e con piccoli anelli di metallo messi in coppia nei contorni e ai lati.

Papayeras. Bande popolari della costa atlantica colombiana, formate con un bombardino, trombone, trombetta, clarinetto,tamburelli, bombo. Las papayeras hanno avuto il loro nome dai Fotutos (vedi nella F) fabbricati con frutti di alberi che furono i primi strumenti a fiato usati dalle bande.

Parranda. Gruppo musicale tipico del Portorico che  interpreta Seises e Aguinaldos. La Parranda urbana si denomina Asalto y la Parranda rurale si conosce come Trulla.

Payandé. Danza dei carnavales della costa atlantica colombiana, il quale nome deriva da un albero della regione colombiana del Mompox.

Pechiche. Tambor piccolo di forma cilindrica , proprio della regione di Bolivar, in Colombia.

Peña. Luogo di riunione generalmente adibito alle esibizioni di Trova tradizionale cubana o la Nueva Canción Latinoamericana.

Perico Ripiao. Conjunto típico di Merengue Dominicano originario della regione del Cibao e costituito da guira, sassofono e batteria.

Picó. Derivato dal termine inglese Pick Up, consiste in un gigantesco apparato per riprodurre la musica, con un giradischi , adornato con disegni fatti a mano nella parte superiore. Los picós sono molto popolari nella Costa Atlantica Colombiana per ballare in luoghi pubblici.

Piladeras. Danza della costa atlantica colombiana, nella quale si imitano i movimenti della raccolta e coltura del mais con un palo chiamato Pilón. Il  compositore José Barros ha dato la fama a questa danza con la creazione del tema  «Las Pilanderas»

Raspa. Voce colombiana connessa  alla musica tropicale suonata con  una orchestra moderna. Si denomina anche come Chucuchucu, Guasca o Raspacanilla.

Rebruje. Modalità di suonare la percussione tipica dei suonatori di vallenato colombiano che consiste in un doppio tocco rapidissimo prodotto unicamente dalle dita della mano.

Reparto. Abilità dei suonatori di  vallenatos per muovere le dita per le tastiere o i bottoni degli strumenti, percorrendo le tastiere o i bottoni dei suddetti strumenti senza produrre la distorsione del tono.

RMP. Abbreviatura della pubblicazione trimestrale Revista Musical Puertorriqueña, pubblicata sin dal 1987 dallaa División de Música del Instituto de Cultura Puertorriqueña.

RPM. Abbreviatura di Revoluciones por Minuto. Velocità con la quale gira un disco. Si conta per minuti e esistono diversi gradi nel disco di vinile o acetato che vanno dai 16 r.p.m. alle 78 r.p.m., essendo la più comune quella dei 33 r.p.m., chiamato anche disco de Larga Duración o Long Play.

Rucu Rucu. Ritmo creato dal  flautista José Luis Cortés negli anni ottanta a Cuba e reso popolare dal gruppo Irakere. Si tratta basicamente di una rivoluzione o meglio di una variazione  del Son al quale si includono elementi di Jazz.

Rumba. Complesso musicale cubano, che deve il suo nome al termine «mujeres del rumbo», que si dava ad una certa forma di prostituzione nei locali da ballo , dove si pagava per ballare e dormire. Al complesso de la rumba appartengono ritmi come el Yambú, la Columbia , el Guaguancó. «Rumbear» significa oggi nei tempi moderni,ballare.

Rutina. Personalità musicale di un interprete che si sviluppa in una improvización. Mantenere  una rutina vuole dire dare una sequenza ripetuta, ma coerente alla interpretación.

Sabor. Concetto musicale che nel Jazz equivale al Swing e che, come nella cucina, significa condimento. El Sabor è la essenza della musica del Caribe e si chiama anche, Saoco, Feeling o Yunfa.

Sambi. Strumento di origine Africana con corde fatte di fibra vegetale.Un antenato delle moderne chitarre.

Santeria. Sistema religioso di origine Afro-Cubana nata dalla fusione degli schiavi Africani chiamati yoruba e il cattolicesimo dei colonizzanti Spagnoli .

Salsoteca. Luogo dove si balla caratterizzato dalla presenza di musica salsa.Popolarissimo in Colombia alla fine degli anni settanta, rappresenta una alternativa alle discoteche tradizionali dove solo si ascolta musica caraibica.

Sandunguera. Persona che si muove con Sandunga, grazia, donaire o salero. Nel caso dei cubani, donna che ha «pimienta» che attira per la forma che ha di camminare e muoversi. Los Van Van hanno reso famosa la canzone che porta questo nome dicendo:"Sandunguera, no te muevas más así, que tú estás por encima del nivel".

Septeto. Grupo Cubano creato da Ignacio Piñeiro nel 1927 e derivato del classico sexteto al quale si è aggiunta una tromba. Molti gruppi di questo tipo , includendo il famoso Septeto Nacional, hanno dato al Son il suo definitivo carattere strumentale a partire da questo gruppo.

Sexteto. Esistono due tipi di sexteto: Quello formato a Cuba negli inizi del secolo per suonare Son che presenta il tres, una chitarra, botija, clave, maracas y bongos, e poi quello Formato strumentale degli anni sessanta negli Stati Uniti fatto da Latin Jazz e Salsa, integrato dal piano, dal basso, timbales, congas, vibráfono e voce.

Son. Stile di ballo sicuramente nato a Cuba nel processo di fusione tra le tradizioni degli schiavi africani e quelle dei colonizzatori spagnoli. Si diffonde a Santiago prima e poi nella Habana: Nico Saquito, Ignacio Piñeiro y el Septeto Habanero, Trio Matamoros (que mischiandolo con il bolero genera il bolero-son) ieri  e più recentemente  la Vieja Trova Santiaguera, la Familia Valera Miranda, Compay Segundo, Adalberto Alvarez sono i suoi insigni rappresentanti.

Solar. Luogo di riunioni e di balli proprio delle urbanizzazioni dove c'è un patio che serve di comunicazione tra le uscite e gli edifici.

Solo. Interpretazione solista. Capacitò individuale di suonare uno strumento seguendo il ritmo naturale di una canzone. Solo può essere improvvisato, e con una certa frequenza nelle descargas.

Sonero. Cantante che interpreta sones o canzoni. «El Sonero Mayor» era Isamel Rivera, anche se questo appelativo era dato al celeberrimo Benny Moré, conosciuto prima con lo stesso soprannome.Oscar D' Leon è "El sonero del mundo" per esempio, in genere si definiscono così gli artisti capaci di doti di alta improvvisazione .

Songo. Ritmo creato dal bassista cubano Juan Formell , direttore dei Los Van Van agli inizi degli anni settanta e consistente in una variante del Son con elementi di Funky, Soul e altri ritmi del genere Pop.

Sonora. Formato orchestrale caratterizzato da una  variante nelle sezioni di fiati e voci, dove si elimina una delle trombe e si aggiunge un altra voce al formato della orchestra tradizionale. El conjunto più famoso di questo formato è la Sonora Matancera , dove agli inizi della sua carriera cantava la reina Celiz Cruz.

Spanglish. Fusione linguistica dello spagnolo e dell' inglese usata come una forma di difesa culturale da parte dei latini che vivono negli Stati Uniti.

Steel Band. Banda de Acero. Gruppo tradizionale della isola di Trinidad composta da un numero di suonatori di barili di petrolio,alla quale base o bidone viene data una particolare forma per produrre una varietà di suoni. Il direttore di una  Steel Band impartisce le istruzioni mediante una serie di segni.

Swing Latino. Rivista specializzata di musica che durante gli anni settanta fù pubblicata con l'appoggio della firma distributrice di dischi " El Palacio de la Música " prodotta in Venezuela da Angel Méndez.

Taino. Indios nativi delle Americhe ( Haiti , Portorico , Cuba e altre isole delle Antille) che  avevano già una certa civiltà avanzata e che vivievano nelle nuove terre prima dell'arrivo degli Spagnoli e di Colombo , dai quali furono progresssivamente sterminati.

Tambora. Strumento Dominicano di percussioni costruito in legno e di  forma cilindrica. La Tambora ha due superfici di cuoio teso e si suona facendo uso di bacchette collocando il tamburo sopra una superficie piana.

Tembleque. Forma di ballo diffusa specialmente a Cuba , dove i ballerini fanno vibrare il loro corpo freneticamente al ritmo della musica durante gli assolo di piano, come se avessero preso una scossa elettrica.

Tico Tico. Nome usato con forma di gentilizio per definire i nati in Costa Rica. Ballo di orchestre latine molto popolare a New York durante gli anni quaranta.

Timba. Genere musicale diffuso a Cuba verso la fine degli anni ottanta caratterizzato da specifici ritmi più duri ed aggressivi rispetto alla salsa tradizionale. Oggi praticamente tutta la musica cubana moderna , della nuova generazione è timba.TRa i precursori di questo genere: Los Van Van , NG La Banda, Manolin il Medico della salsa.

Timbal. tamburi usati montandoli a coppia di due siu di un solo piede metallico sono presenti in tutte le orchestre di salsa e sono stati resi celebri da Tito Puente" El Rey Del Timbal"

Típica. Formazione orchestrale basata nella Charanga e la quale differenza si evidenzia nel numero degli strumenti che intervengono nella sezione degli strumenti a corde. Nella Orquesta Típica ci sono solo due chitarre e un violino. A Cuba si denominava Típica, anche quel tipo di orchestra che eseguiva danzónes con la sezione dei fiati presente e con incluso un clarinetto al posto del violino.

Tonada. Variante della canzone guajira cubana che è interpretata da un cantante improvvisatore. Sonsonete, estribillo, trova.

Toque. Colpo o sequenza di colpi su di uno strumento di percussioni.

Torpedo. Vedere Guiro.

Transporte. Tecnica delle orchestre di Vallenato per pulire fisicamente il proprio strumento e affinarlo al tono di voce del cantante.

Trovador. Cantante che si accompagna con la propria chitarra , figura essenziale nella musica cubana. Negli anni sessanta il genere che ne deriva" La Nueva Trova" è stata resa celebre dal cantante cantautore Pablo Milanés

Tresillo. Gruppo de note sincopatiche che formano un ritmo regulare. Quando questo  gruppo si suona in battute di 2/4, si da origine alla base della musica Portoricana.

Trulla. Conjunto musicale della tradizione Portoricana che si conforma per la interpretazione di Aguinaldos durante le feste di Natale. La Trulla è di carattere rurale.

Tumbao. Colpo dato sul tamburo o sulla tumbadora o sulla conga ,dato in una tal forma che il suo suono quasi formi quello della parola «tum bao». Si conosce anche, con questo nome al "golpe" caratteristico del Son.

Vacuano. movimento sinuoso e sensuale che viene eseguito dai ballerini di salsa simulando una sorta di amplesso erotico. ha una origine storica nella rumba.

Vellonera. Apparato di riproduzione del suono chiamato anche Rockola che si aziona mediante il movimento di una serie de leve dietro la introduzione di una moneta e la seezione di un disco da ascoltare. La Vellonera solo funziona con dischi a 45 giri,oggi si trovano anche Rockolas per CD. In Europa sono conosciute come Juke Box

Yambu. Ballo Africano che forma parte della rumba.

Yamaro. Tamburo cilindrico piccolo usato come marcatore di battute nella musica rituale funebre a San Basilio de Palenque en Colombia, detto anche Lumbalù.

Yantongo. Variante del Lumbalú colombiano e che consiste nella versione noturna dello stesso canto funebre.

Yuka. Ballo cubano di origine  bantú-congo che si eseguiva nelle notti di luna pienae da parte dei negri e dei criolli.Dal suo nome  deriva il tambor mayor che segna l'inizio delle feste.

 

Zapateo. Ballo campesino di origine spagnola diffusosi a cuba nel XVIII secolo. La coppia che lo balla colpisce il suolo con i tacchi delle scarpe. L' uomo balla con le mani dietro la spalla ,eseguendo i passi più complicati,  mentre la donna si incarica di sedurre l'uomo muovendo la sua gonna armonicamente. Una variante a Cuba è anche "El baile de las Chancletas". E' parte della musica folklorica Cubana.

 

   

   Copyright © 2004 - www.salsamania.it