Cabildos. Riunioni che celebravano gli schiavi negri nei giorni di festa per cantare e ballare. Il suo nome prende la origine dalla definizione spagnola di governo municipale.

Caja. Strumento colombiano di percussione di forma cilindrica , foderato da uno dei due lati con pelle messa in tensione. Si costruisce su di un tronco chiamato Vaso. Il suo suono  y .Il suo suono è molto acuto . come quello dei bongos e si utilizza nei differenti ritmi della musica vallenata. Vi sono una serie di "colpi " che si differenziano per la loro intensità:tra i più famosi abbiamo El Golpe Rodao, el Adominicanao e el Tres Golpes.

Camisas. Comparse dei carnavales della costa atlantica colombiana, dal quale mome si derivava il vestiario utilizzato dai bailadores.

Caña de Millo. Strumento colombiano della sezione fiati, chiamato anche flauto di Millo o Pito. La Caña de Millo ha generalmente una larghezza di 33 cmi  y 1.5 cm di diametro.

Cencerro. Strumento di percussione metallica anche chiamato Campana, che si dice sia una imitazione dello strumento cubano chiamato Ekón. Di forma triangolare, il Cencerro viene usato nel son dando tre colpi secchi con un piccolo bastone di legno. Si usa generalmente di una forma indipendente da parte del boncongero o da parte del timbalero.

Cha cha cha. Diffusosi a Cuba alla fine degli anni quaranta come una conseguenza della fusione di ritmi come il danzón e altri ritmi caraibici. Nato nei cabaret della Habana ai tempi della dominazione americana, un insieme di melodie che giocano tra il tempo ed il contrattempo il cha cha cha viene importato in America e diffuso in tutto il mondo

Chambelona. Canto popolare cubano famoso nelle feste popolari degli schiavi africani alla fine del 1800

Changui. Variazione del son nata nell'oriente dell' isola di Cuba, nella zona di Santiago, portata alla celebrità da Elio Revé e poi continuata nella tradizione dalla Orchestra di suo figlio.

Cinquillo. Insieme di note sincopate che formano un ritmo regolare .Questo gruppo di note , quando si alterna con un altro che ha una struttura simile ,  genera la base del son cubano, il quale , in termini strumentali, è  affrontato per la clave.

Clave. Modello ritmico cubano di 2/3 ó 3/2 (quando si tratta di son Montuno) e che sempre alterna una sequenza forte con una debole:questo modello deve essere continuato per l'Orchestra o il conjunto dopo di essere marcato per la clave , o a non essere così si incorre in quella che chiamano" anarchia ritmica" della Clave attraversata. Clave è stata anche una rivista trimestrale di musica prodotta a Cuba da Idalberto Suco durante lgli anni ottanta , ora non più in funzione.

Claves. Pezzi di legno che proporzionano la musica derivata dal Son cubano. Las Claves producono all'urtarsi un sono secco, dovuto alla  cassa di risonanza che si forma disponendo  il palmo della mano che sostiene uno dei due pezzi di legno in genere quello nella mano sinistra,con la punta delle dita. Esiste anche una variante denominata Clave Africana, dove la cassa di risonanza viene incorporata in uno dei due pezzi di legno che e' il più grande. Per interpretarla , suonarla si danno cinque colpi separati in una sequenza tipo  Due colpi  - pausa - Tre colpi.

Cobo. Conchiglia grande che si trova nei mari della costa atlantica colombiana  che viene utilizzata per costruire strumenti a fiato.

Combo. Tipo di gruppo musicale diffusa a  Cuba e PortoRico agli inizi degli anni cinquanta. Generalmente di  otto persone che interpretano: piano, basso, trombe, sax, batterie, percussioni, bongos e voci.

Columbia. Ballo popolare di origine cubana che forma parte della rumba cubana. E' accompagnato solo da pure percussioni e ballato da soli uomini.

Conjunto. Tipo di gruppo che si sviluppò nella metà degli anni quaranta a Cuba  e a Portorico. Il conjunto è arrivato ad essere il punto immediatamente superiore al  septeto de Son cubano, grazie all' incorporamento della batteria. La Salsa è suonata, nella maggior parte da conjuntos.

Contradanza. Ballo nato a Cuba nel secolo XVIII che prende origine dalla contradanse francese introdotta sull isola dai Francesi.Da poi origine al Danzón.

Controversia. Di origine campesina (rurale) cubana e che consiste nella interpretazione di decime da parte di due cantanti, i quali partendo dalla ultima strofa che canta l'altro, chiamata Punto, improvvisano sul tema introdotto.

Corneta China. Strumento della sezione dei fiati di origine orientale portato alla  Habana agli inizi del 1900. Si usò moltissimo nei distinti ritmi del Complejo de la Rumba e emette cinque note di tono acuto.

Coyongo. Danza dei carnavales della costa atlantica colombiana, dove i ballerini imitano il volo dei differenti uccelli che popolano quella regione.

Culo e'puya. Tambor venezuelano di forma cilindrica che si suona con una stecca e la mano e si mette tra le gambe del musicista.. Esistono tre tipi chiamati: Corrío, Cruzao y Pujao.

Cumaco. Tambor di origine venezuelana che si suona colpendolo con le mani dopo averlo collocato sul pale essendosi seduto sopra, in alcune versioni ha anche un diametro di due metri.

Charanga. Tipo di gruppo di origine cubana  chiamato anche Orchestra Típica o Francese. La sua origine si deve alla introduzione di strumenti di origine europea più idonei alla interpretazione del Danzón, come i violini e il flauto. I ritmi derivati dall Danzón, come il Chachachá, sono suonati da  Charangas, anche se questo nome si è reso popolare negli anni sessanta grazie alla controversia che si generò a New York per la sua similitudine nel nome con La Pachanga.

Charrasca. Vedere voce guiro

Chekeré. Guiro o maraca cubana que misura circae  50 cm di diametro e foderato da una rete fatta di frutta secca che danno il ritmo. Il Chekeré si conosce conosce anche come Agué o Aggbé e fa parte della strumentazione rituale dei  yorubas. Si suona scuotendo la rete dopo averla colpita con la base del palmo della mano.

Chupacobres. Vedere voce Papayeras.

 

   

    Copyright © 2004 - www.salsamania.it